BUSINESS

6 consigli per far crescere il tuo business

In questo articolo ti parliamo di piccole accortezze che garantiscono ottimi risultati se hai voglia (e capacità) di far crescere il tuo business.

Non è bello ricordarlo, soprattutto in un momento come questo, in cui le attività anziché crescere si indeboliscono giorno dopo giorno, ma è la dura verità: in Italia la maggior parte delle nuove imprese o dei nuovi business non supera i 5 anni di vita.

I motivi sono molti, e dipendono da cause sia esterne che interne.
E proprio per questo, per la nostra irrefrenabile voglia di condividere con te, risultati positivi e sconfitte, che proveremo a capire passo passo come resistere e cosa fare per far crescere il tuo business.

Ricorda che sei il padrone delle tue scelte e delle tue azioni, puoi cambiare tutte le carte in tavola quando meglio credi. E al fatto che “chi nasce tondo non possa morire quadrato” non ci crediamo affatto.

 

Cosa puoi fare per crescere?

 

  1. Studia il tuo settore di riferimento

Non puoi lanciare una monetina e decidere in che tipo di mercato inserirti a caso. Se non conosci il mercato di riferimento del tuo business le possibilità che questo raggiunga il successo sono minime. Devi capire in quale mare stai per tuffarti, quali pericoli potrai incontrare e soprattutto devi essere in grado di navigare durante le tempeste; in parole povere non puoi farti trovare impreparato.

Questo vuol dire conoscere la concorrenza, i prodotti che offre e l’andamento passato del mercato stesso. In questo modo capirai se la tua idea è davvero differente e se potrai conquistare la fiducia e la curiosità dei tuoi futuri clienti.

Non devi fare grandi investimenti per questo primo passaggio. La risposta, come ormai accade spesso, la trovi su internet. Puoi utilizzare risorse come Google Trends o ancora analisi di mercato già svolte da istituzioni pubbliche.

Insomma i modi per capire in che modo funziona il tuo mercato di riferimento sono molti, la cosa più importante è non saltare questo passaggio, sarà poi difficile tornare indietro.

Un consiglio importante che ci sentiamo di darti è: non delegare.

L’indagine di mercato falla tu! Così potrai consolidare una certa autorevelozza e reputazione in quel determinato campo.

Non c’è bisogno di puntare al “leader nel settore”, ormai di leader ce ne sono veramente troppi.
Prova semplicemente a essere un punto di riferimento per qualcuno, comincia da lì!

 

  1. Fa attenzione ai prestiti e alla base da cui puoi partire

Molti potrebbero pensare che per avviare un business, la soluzione migliore sia quella di chiedere un prestito! Attenzione però, bisogna considerare il fatto che l’attività, almeno nel primo periodo, potrebbe anche non produrre i risultati sperati, per cui il rischio del fallimento è sempre più concreto.

L’ideale sarebbe avviare l’impresa a fronte di un capitale posseduto di almeno il 60% rispetto alla somma di denaro da investire, per iniziare l’attività con basi più solide.

Non hai basi solide? Allora non ci riuscirai mai?
No, semplicemente ti ci vorrà più tempo. Non ti abbattere, anche Jeff Bezos ha cominciato a spedire libri da un garage, ma oggi è l’uomo più ricco del mondo, no?

 

  1. Prefissati degli obiettivi chiari e realistici

Se vuoi che la tua azienda, il tuo business o la tua attività abbia dei risultati, agisci!
Porti degli obiettivi è un buon primo passo.

Ti ricordi quando da piccolo ti chiedevano “Cosa vuoi fare da grande?” e tu non sapevi mai cosa dire e allora ogni volta cambiavi risposta?

Con il tempo invece abbiamo capito che questa domanda non era poi così inutile, sapere dove si vuole arrivare ci aiuta anche a trovare il modo per farlo.

È questa la grande importanza degli obiettivi, che siano di vita personale o lavorativa.
Stabilirli e focalizzare la tua attenzione su di essi, ti aiuta a portare avanti il tuo progetto.

Per fare questo ti servono: IMPEGNO, DISCIPLINA E MOTIVAZIONE.

Ti consigliamo ora di fare un esercizio semplice, che può cambiarti la vita e che se non riesce a farlo quanto meno ti aiuta a cambiare la percezione che hai di essa.

Prendi un foglio bianco, entra in focus e concentrati su quali obiettivi vuoi raggiungere (dove vuoi che il tuo business arrivi tra sei mesi o dove vorresti essere tra un anno) e scrivili, nero su bianco. Non staccare la testa dal foglio fino a quando non ne avrai trovati almeno 100.

 

  1. Scegli con cura i componenti del tuo team di lavoro

Il proprio team di collaboratori deve essere scelto con la massima cura. Può sembrare scontato, ma la gestione o peggio ancora il potenziamento di una specifica area del business, svolta da una risorsa con scarse competenze, porterà inevitabilmente a un grande sforzo con scarsi risultati e la messa a rischio dell’intero progetto.

Assicurati prima di tutto che i tuoi collaboratori sfruttino al massimo le proprie potenzialità, che siano in grado di fare e di donare così tanto da identificarsi nell’azienda.
Assicurati che il tuo team sia in grado di affrontare momenti di crisi (perché arriveranno) e tutti i rischi del caso.
Fa in modo che siano tutti pronti, preparati e felici del lavoro svolto fino a quel momento.

Ecco cosa può servirti per creare un team efficace e produttivo:

  • costruisci un ambiente aperto al confronto basato sulla fiducia reciproca;
  • permetti a tutti di sentirsi a proprio agio e di potersi esprimere al meglio, con consapevolezza;
  • sviluppa la motivazione;
  • usa una comunicazione chiara e trasparente.

La migliore strategia, se di strategia si può parlare, è creare un team di persone professionali, umane prima di tutto, che si supportino l’un l’altro, che condividano gli stessi valori e camminino nella stessa direzione per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Dei veri e propri Professionisti di vita.
Ne abbiamo parlato a proposito dell’importanza di creare un team che sia prima di tutto umano, ecco a te l’articolo!

 

  1. Ascolta sempre i clienti 

Il mercato è pieno di competitor. I social sono pieni di competitor.
Le voci si affollano, si uniscono e ti rendi conto che emergere è, mai come oggi, complicato.

Ma in tutto questo marasma tu devi essere in grado di ascoltare il tuo cliente.

E ciò non è solo una buona pratica per fidelizzarlo o aumentarne la soddisfazione, è anche un elemento strategico per la crescita dell’azienda. Ascoltare le loro esigenze significa essere il partner ideale e significa che quel cliente ti sceglierà ancora e ancora. Comprendere i bisogni e magari riuscire ad anticiparli rappresenta la benzina della competitività di un business.

Devi quindi essere in grado di prevedere il nuovo scenario e anticipare la concorrenza, solo così potrai crescere rapidamente e sperare di lasciare un ricordo positivo in chi si affida ai tuoi servizi/prodotti.

E come puoi prevedere un cambiamento?

No, tranquillo non ti serve nessuna sfera di cristallo ma una cosa è certa e non ci può essere indecisione a riguardo: DEVI FORMARTI! Qui puoi scoprire perché è cosi importante!

Non potrai mai sopravvivere a un cambiamento senza essere preparato.
C’è bisogno di velocità e, soprattutto, di competenze.
Credici se ti diciamo che queste competenze il cliente le percepisce, pur non conoscendo quel determinato campo di riferimento.

 

  1. Considera la concorrenza ma non combattere

Oggi riuscire a vendere un prodotto o un servizio risulta più difficile a causa dell’elevata concorrenza. Quasi tutti offrono prodotti di qualità, spesso simili tra loro, ma cosa spinge il cliente nella scelta e nell’acquisto?

Quello che possiamo dirti è che di sicuro devi uscire dall’oceano rosso della concorrenza spietata, e nuotare in un oceano blu in cui sei tu a creare qualcosa di innovativo e differente.

Poi esiste invece quel tipo di competizione sana, che rappresenta uno stimolo continuo sia per le azioni e le strategie del business sia per ricercare cosa c’è e cosa no sul mercato.

Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle.

Questo è quello che devi fare, cambiare prospettiva e soprattutto buttarti su settori di mercato non ancora esplorati.

Per iniziare a nuotare nel TUO Oceano Blu ti consigliamo di cominciare da qui!

 

Appresi questi consigli non dimenticarti che a muovere un grande progetto non è altro che la curiosità, la perseveranza e la giusta dose di creatività.
Il successo deriva proprio da questo: dall’innovazione e dalla differenza.
Il vero risultato arriverà nel preciso istante in cui comprenderai di essere nel posto giusto, mentre farai quello che hai davvero desiderato da tempo, quando sarai finalmente te stesso e continuerai a difendere con ogni forza la tua idea.

 

Sei alla ricerca di un partner per mettere in pratica la tua idea di business e riprendere in mano la tua vita? O più semplicemente sei alla ricerca di un lavoro che possa davvero darti il giusto mindset e delle prospettive di vita rosee? Scrivici!

Se l’articolo ti è piaciuto lasciaci un commento, e grazie per essere arrivato fin qui!

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

legge della focalizzazione
Marketing

La legge della focalizzazione: come fare il salto di qualità

E se ti dicessimo che per creare un’azienda con la A maiuscola devi focalizzarti? A cosa penseresti? In questo articolo ti parliamo di una delle 22 leggi: quella della focalizzazione. Posizionamento, focalizzazione, focus del e sul brand, chiamalo come preferisci. La sola cosa che importante è che questo è lo strumento di marketing – non l’unico

Leggi Tutto »
fallimento-blog-marketing-pink-different.
Marketing

La legge del fallimento: quando fallire non è una sconfitta

In questo articolo ti parleremo di una delle 22 immutabili leggi del marketing: quella del fallimento.  Se fallisci sei un fallito, questo ci hanno insegnato. Poi invece ci hanno detto che “errare è umano” e che il problema non sei tu, chiunque prima o poi vive una sua battaglia interiore con il fallimento. E ce la

Leggi Tutto »

Pink Different significa essere se stessi

In questo articolo ti parliamo di noi e del nostro voler essere autentici. Pink Different significa proprio questo: ESSERE SE STESSI E PENSARE DIFFERENTE. C’è un dipinto di Paul Gauguin che si intitola: “Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?”. Proveremo a spiegarvelo qui.   Capita spesso di sentirsi legati al più grande e potente dei

Leggi Tutto »

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti i nostri articoli.



    Cliccando su "Invia" dichiaro di aver accettato le Condizioni Generali e la Privacy Policy.