STORIE DI SUCCESSO

Chiara Ferragni, la fashion blogger più famosa del mondo

Questa rubrica di “Storie di successo” è stata pensata principalmente per un motivo: ISPIRARTI. 
Ognuna di queste storie può lasciarti qualcosa, sta a te coglierne il senso più profondo per trovare la tua personale chiave di volta.

Oggi vi parliamo di Chiara Ferragni, la fashion blogger più famosa e l’influencer italiana più seguita del mondo. La genialità è stata quella di intuire in anticipo il vento favorevole dei social. È così che la ragazza cremonese dal viso angelico e dal portamento elegante ha costruito un impero in piena autonomia.

Non c’è bisogno di molte presentazioni per descrivere l’innata capacità imprenditoriale di Chiara, ma c’è un aspetto che non va sottovalutato: la sua voglia di rendere la passione per la moda un lavoro a tutti gli effetti. Un lavoro coinvolgente che riempie le sue giornate e che le fa pensare di non aver sprecato nemmeno un attimo della sua vita.

Anche noi ci siamo costruiti un lavoro che ci permettesse di coltivare le nostre passioni. Crediamo che il lavoro debba essere uno strumento per alimentare e amplificare la persona che siamo, o meglio, la persona che decidiamo di essere.
Ci piace nutrirci della nostra passione, lavorare sodo e divertirci allo stesso tempo, continuare a crescere e svegliarci la mattina con il sorriso e l’ardente desiderio di raggiungere i nostri obiettivi.

 

CHI ERA CHIARA FERRAGNI PRIMA DI DIVENTARE UN’ICONA?

Una ragazzina acqua e sapone con la passione per la moda, un utilizzo ossessivo e alquanto fastidioso della «k» al posto del «ch» e un impegno minimo nello studio. Si dedicava il giusto, senza mai strafare e cercava di andare oltre il solo voto accademico. Parlava tanto, aveva idee e cercava il confronto con chiunque.

Chi ha conosciuto Chiara ai tempi del liceo la descrive come una ragazza risoluta e determinata. Aggettivi che a primo impatto non alludono però a niente di straordinario. Eppure una delle sue insegnati la ricorda così: «Alcuni comp

agni della sua classe la amavano, letteralmente. Altri però la odiavano e la stessa cosa valeva per noi professori. Intelligente, sveglia e dalle idee rivoluzionarie per alcuni di noi. Per altri, tutto fumo e niente arrosto».

Vi ricorda qualcosa?

Chiara faceva parlare di sé già a quei tempi, è sempre stato così, ha spaccato in due le opinioni di chi le sta intorno. La sua forza è propria questa: non ti lascia indifferente. Ha avuto un’intuizione e l’ha portata avanti. Questa stessa intuizione poi l’ha portata lontano.

Dopo il liceo si trasferisce a Milano per frequentare la facoltà di Giurisprudenza e per provare a dare forma alla sua idea, quella di diventare una fashion blogger.

Così nel 2009 apre il suo blog “The Blonde Salad”, un luogo in cui dare libero sfogo alla sua passione per la fotografia e in cui inizia a pubblicare i suoi autoscatti (quando ancora il termine selfie non esisteva). Racconti della sua vita milanese e consigli su come unire capi d’abbigliamento per un outfit pazzesco. Nulla che non le venisse spontaneo. Chiara è esattamente così come la vediamo, una voglia matta di condividere la sua quotidianità e provare ad aiutare qualcuno, che di moda magari non se ne intende. L’investimento iniziale del progetto è stato di circa 500 euro, che le sono serviti per acquistare una macchina fotografica, il dominio online e favorire un buon posizionamento.

Nessun grande investimento ha permesso a Chiara Ferragni di diventare qualcuno.

Gli inviti alle sfilate di moda non tardarono ad arrivare, Chiara ne era entusiasta ma notò un distacco emotivo e umano con tutti coloro che vi partecipano. La reputavano troppo piccola, incapace, con poca esperienza nel settore e evidentemente non capivano tutta l’importanza che gli veniva data. Era chiaro che non la volessero lì, il mondo della moda è definito dai più come “un campo serio” per ospitare una ragazzina bionda che posta qualche foto sui social.

Chiara ha continuato dritta per la sua strada, si è presentata alle sfilate e ha sfoggiato il suo sorriso migliore. Per lei essere lì era utopico, e nessuno sapeva quanta strada aveva già fatto per meritarsi quel posto. Con il tempo poi è diventata anche stilista: ha creato e firmato diverse collezioni di moda, infatti tutti riconosciamo ormai il suo famoso marchio, rappresentato da un brillante occhio azzurro.

 

Il resto è storia: quella di una ragazza bionda dagli occhi azzurri che non ha mai avuto paura di buttarsi dal trampolino.

Ha saputo trasformare la sua passione in un’attività che fattura più di 10 milioni di dollari. Quella di Chiara è una storia di successo imprenditoriale, iniziata da un’idea dettata da un sogno, e che è diventata addirittura un caso di studio della Harvard Business School.

 

“The Blonde Salad” ha raggiunto 12 milioni di visite mensili dopo soli due anni. E oggi con più di 20 milioni di followers sul suo profilo Instagram, guadagna fino a 12,000 dollari con un solo post sponsorizzato da case di moda, attestandosi come l’influencer di tale settore più importante al mondo secondo Forbes. Oggi nella sua azienda opera uno staff di 80 dipendenti che gestiscono un settore e-commerce proprio.

 

COSA PUOI PRENDERE DA QUESTA STORIA:

  1. ESCI DALLA TUA ZONA DI COMFORT
  2. BENE O MALE, PURCHÈ SE NE PARLI
  3. NON SMINUIRE LE TUE IDEE, POTREBBERO ESSERE VINCENTI
  4. SE NON PUOI PREVEDERE IL CAMBIAMENTO, IMPARA A MUOVERTI NEL SUO VENTO.

 

“Non volevo diventare famosa. Non era questo il mio obiettivo. Però volevo fare qualcosa che avesse un senso”.

Credi ancora che il lavoro dell’influencer non possa definirsi tale?
I numeri dicono altro, quelli di Chiara più di tutti.
Punta sulla tua idea e non lasciarti condizionare dai pregiudizi, ricorda che la gente parlerà sempre, nel bene o nel male, ma quanto sarebbe bello sorridergli e condurre la vita che hai sempre desiderato?

 

Svegliarsi la mattina e fare quello che ami, con chi ami, diciamolo, fa la differenza!

 

Hai un’idea ma non sai come svilupparla? Hai paura di essere giudicato?

Scrivici, nulla è folle se ci spinge a vivere la vita che desideriamo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ogni GIOVEDÌ vi parleremo di STORIE DI SUCCESSO, di tutte quelle persone che ce l’hanno fatta partendo da zero, di quelle persone che hanno puntato su se stesse, che hanno appreso dai loro fallimenti e che hanno fatto di essi la loro arma vincente.
Blog Pink different rubrica STORIE di SUCCESSO

Instagram

Precedente
Successivo

Social Links

Altri articoli

marketing natalizio
Marketing

Marketing natalizio: 8 strategie per aumentare le vendite

In questo articolo ti parliamo di 8 strategie di marketing natalizio per aumentare le vendite nel periodo più proficuo dell’anno, appunto il Natale. Produrre contenuti è un ottimo modo per far crescere il proprio business, creare strategie di marketing natalizio pensate appositamente per questo periodo dell’anno ancor di più. Che siano articoli di blog come i

Leggi Tutto »
Marketing

Buyer persona: come creare l’identikit del tuo cliente ideale

In questo articolo ti parliamo della buyer persona, ovvero della creazione di un personaggio immaginario utile a rappresentare il tipo di utente che potrebbe utilizzare il tuo sito, conoscere il tuo marchio o acquistare un tuo prodotto. Hai presente il gioco da tavolo “Indovina Chi”?Ecco, il principio alla base della buyer persona è più o meno

Leggi Tutto »
Dario-Vignali-Blog-storie-di-successo-Pink-Different
Storie di Successo

Dario Vignali, il founder di Marketers

Questa rubrica di “Storie di successo” è stata pensata principalmente per un motivo: ISPIRARTI. Ognuna di queste storie può lasciarti qualcosa, sta a te coglierne il senso più profondo per trovare la tua personale chiave di volta. Oggi vi parliamo di Dario Vignali, il più noto esperto di Digital Marketing italiano, fondatore di Marketers, la più

Leggi Tutto »

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti i nostri articoli.



    Cliccando su "Invia" dichiaro di aver accettato le Condizioni Generali e la Privacy Policy.