MARKETING

Influencer marketing: perché il tuo business non può farne a meno

In questo articolo vi parleremo dei cosiddetti hashtag della trasparenza, di quale concetto, contratto o collaborazione si cela dietro di essi. Del perché è corretto inserirlo da parte di chi lavora sui social e di quanto la pubblicità sia da sempre un potente strumento di marketing. Il fine non è solo quello di vendere un prodotto, ma di regalare un’emozione e un ricordo che duri nel tempo.

Siamo certi che questa sia una delle migliori qualità del marketing: donare qualcosa.
Non ci fermiamo solo alla mera vendita del prodotto o del servizio, vogliamo lasciare ai nostri clienti qualcosa di più. Un lavoro senza tempo, umano e di qualità.
Vogliamo dimostrare che ci sono sì delle regole da seguire, dei metodi che funzionano e che è bene osservare, ma non dimentichiamoci mai di una cosa fondamentale: mantenere la promessa.
Essere coerenti e rispettare il valore della propria azienda.
Qui ti parliamo dell’importanza dell’identità aziendale.

Il ruolo dell’influencer nella società

Nel marketing i contenuti hanno un ruolo fondamentale e vista l’evoluzione del digitale degli ultimi anni, ha anche molta importanza chi questi contenuti li crea, coloro che non sono più “dietro le quinte” o nei titoli di coda della tv, ma che ogni giorno postano contenuti nuovi, collaborazioni con diverse aziende e scambiano consigli con noi grazie a uno smartphone: stiamo parlando di influencer, blogger e youtuber.

Siamo umani, siamo fatti di sensazioni ed emozioni, sentiamo il costante bisogno di non sentirci “i soli a..”, per questo tendiamo a identificarci nell’altro e a sperare di trovare in loro qualcosa di noi, dal prodotto che utilizziamo alle esperienze che viviamo. Questo è uno dei motivi per cui il lavoro dell’influencer è esploso. Con il tempo guadagnano la nostra fiducia e siamo quasi certi che qualunque consiglio ci arrivi sia stato detto a noi come lo si direbbe a un amico.

L’evoluzione di questi lavori e l’arrivo a gamba tesa dei social nella nostra quotidianità ha cambiato le carte in tavola. C’è un nuovo modo di fare marketing e questo ha portato nuove sfide nel campo del digitale: non basta implementare gli strumenti che la tecnologia mette a disposizione, ma occorre anche pensare in modo più creativo e far leva su nuove risorse. Per questo è indispensabile creare contenuti utili e farlo nel miglior modo possibile, dal punto di vista estetico ma anche e soprattutto del contenuto.

Oggi in molti sognano di guadagnare cifre da capogiro per avere scattato qualche foto nel corso della giornata e aver condiviso un prodotto o un servizio. La verità, però, è ben diversa: dietro quei semplici scatti si nascondono contratti, collaborazioni e strategie di marketing ben precise.

La chiave del loro successo è anche questa, la capacità di fondere promozioni e attività della vita quotidiana, rendere il prodotto sponsorizzato più “appetibile” agli occhi del pubblico, quello stesso pubblico che ha imparato a fidarsi di una persona dietro uno schermo, fatta in carne e ossa, proprio come noi. È chiaro quindi che il mondo dell’influencer è molto più complesso di quanto sembra.

Ad esempio, secondo l’IAP, lIstituto di Autodisciplina Pubblicitaria, occorre specificare a voce o tramite la corretta dicitura che il contenuto pubblicato è stato sponsorizzato.

Ci capita spesso di leggere nei post o nelle stories di Instagram e Facebook l’hashtag #adv, ma cosa vuol dire?

#ADV #GIFTEDBY #SUPPLIEDBY: L’EVOLUZIONE DELLA PUBBLICITÀ.

#adv, #suppliedby e #giftedby: gli hashtag della trasparenza

L’hashtag #ad o #adv, deriva dal termine “advertising”, che significa pubblicità. Con la dicitura #ad l’influencer comunica ai propri followers che è stato pagato per mostrare quel determinato prodotto, luogo o servizio e che esiste, appunto, un accordo commerciale con l’azienda.

L’hashtag #suppliedby invece indica che l’influencer sta ricevendo dei servizi o delle esperienze gratuitamente, in cambio di visibilità in post o stories.

L’hashtag #giftedby (o #regalo), invece, è utilizzato principalmente nelle stories e indica che i prodotti mostrati sono regali e in questo caso è l’influencer a decidere in modo del tutto autonomo se mostrarli o meno ai propri follower.

Nonostante ci siano mille pregiudizi sul lavoro che gli influencer svolgono, è bene sottolineare però che la pubblicità è sempre esistita, fin dall’inizio dei tempi, e che ha avuto un forte impatto visivo nella vita quotidiana di ognuno di noi. È uno degli strumenti di marketing più utilizzati per attirare l’attenzione del cliente e per fidelizzarlo. Senza di essa l’azienda non sarebbe in grado di sopravvivere per molto tempo.

Gli influencer ci sono sempre stati; l’unica cosa a esser cambiata è il nome con cui li chiamiamo e le tecnologie con cui ci mostrano la loro quotidianità.

Il concetto stesso di pubblicità si è evoluto nel tempo. È stato rivisto e ridefinito fino a diventare, ancora più di prima, un importante strumento di comunicazione. La pubblicità serve a far conoscere e aumentare la visibilità del brand, a imprimere negli utenti il proprio marchio e a fidelizzare quest’ultimi con i prodotti o servizi offerti. Solo alla fine l’obiettivo diventerà quello di spingere l’utente all’acquisto del prodotto.

Se creata con professionalità può essere un’arma molto efficace per emergere sul mercato e per distinguere il proprio prodotto o servizio da quello degli altri.

Regole da rispettare e dei consigli da seguire:

  • Proporre al mercato un buon prodotto: questo non significa che sia necessario avere i migliori prodotti o servizi sul mercato ma è importante che il consumatore abbia un’elevata qualità percepita. La qualità percepita è soggettiva, è lo stesso consumatore a farsi un’idea sul prodotto proposto.
  • Condurre un adeguato studio del mercato e del target per poter comprendere chi potrebbe essere interessato al nostro prodotto o servizio offerto. Il consumatore infatti ha bisogno di prodotti che vengono studiati e costruiti per lui. La pubblicità ha il compito di dare al prodotto un’identità in cui il potenziale consumatore possa rispecchiarsi e possa trovare la soluzione alla sua ricerca.
  • Affidarsi a professionisti del settore: un professionista tende a far fare il giusto investimento senza far spendere denaro inutile o poco redditizio, e poi riesce a capire la strategia marketing migliore per pubblicizzare quel determinato prodotto.

In un mondo dove la pubblicità ci bombarda da qualunque direzione, dove la nostra casella di posta elettronica è piena di advertising o sui nostri profili social non facciamo altro che visualizzare sponsorizzazioni, quello che riesce a vincere su tutti è il nostro lato umano. L’affidarci a qualcuno perché sappiamo che non resteremo delusi.

Forse il ruolo della pubblicità è anche questo, farci sentire parte di una comunità. È per questo che un advertising se fatta bene, entra nel cuore dell’utente per restarci il più a lungo possibile.

Ti sei mai chiesto perché ci sono pubblicità, magari anche vecchissime, che ricordi ancora?
Ecco, oggi la pubblicità più potente è senza dubbio quella fatta dagli influencer e, proprio per questo, il tuo business non può fare a meno di una strategia di influencer marketing.

Se l’articolo ti è piaciuto lasciaci un commento, e grazie per essere arrivato fin qui!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

categoria blog pink different - marketing

Quì vi parleremo dell’arte del MARKETING, delle strategie che si poggiano su di esso, della conoscenza che si nasconde dietro ogni brand e progetto di successo, tale da creare senso di appartenenza e connessione.

Altri articoli

grandi idee - idee giuste
Business

Non servono grandi idee, servono idee giuste

In questo articolo ti parliamo di idee che… non bastano.Sentiamo parlare sempre di idee geniali ma in pochi si rendono conto che l’idea, senza un piano preciso e un’esecuzione accurata, non bastano.  Ecco le frasi che abbiamo sentito ripetere spesso: “Ho un’idea che ci farà svoltare!” – “La mia idea è qualcosa di incredibile!” – “Mi

Leggi Tutto »
Carvana, l'auto si compra al distributore automatico -blog-pink pill - pink-different_
Pink Pill

Carvana: l’auto si compra al distributore automatico

In questo articolo ti parliamo di Carvana.com, una concessionaria online di auto usate, famosa per i suoi distributori automatici a più piani. Cosa rende questa notizia una Pink Pill?L’innovazione e il cambiamento che porta con sé.La visione di un mondo più pratico, veloce e funzionante. Bisogna essere un po’ pazzi per immaginare quello che gli altri

Leggi Tutto »

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti i nostri articoli.

*Cliccando su “Invia” dichiaro di aver accettato le Condizioni Generali e la Privacy Policy.