PENSIERO DIFFERENTE

Pink Different: il primo anno insieme

La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola. 

 

Un anno fa andava online Pink Different, per cui… tanti auguri a noi!
Sì, anche a te, che da un anno fai parte della nostra meravigliosa famiglia.

Questo 2020 è stato la fine del mondo, un po’ per tutti.
Per chi una catastrofe, per chi una rinascita (ma siamo più per la seconda).

Se te lo stai chiedendo noi facciamo startup, creiamo progetti da zero e siamo un’agency specializzata in Brand Positioning.
Posizioniamo il tuo brand sul mercato e nella testa del tuo cliente. Vai qui, se vuoi saperne di più.

Ma facciamo subito un passo indietro…

7 aprile 2020

Qualcuno ci ha detto che siamo un po’ folli, altri ci ripetono che “non è il momento di lanciare nuove startup”, altri ancora sperano che tra pochi mesi tutto questo finisca e che tutto torni come prima.

Noi continuiamo a ripetere che una delle poche cose certe nella vita di un uomo è il cambiamento e che, qualsiasi cosa accada lì fuori, bisogna reagire.

Vogliamo solo interpretare il presente e guardare al futuro.

Quindi anziché pensare: “cosa sarà della mia azienda dopo il Covid-19?
Preferiamo chiederci: “cosa può diventare la mia azienda durante il Covid-19?

È più gratificante.

Siamo dell’idea che in un momento come questo rinnovarsi sia la soluzione migliore; lo credevamo indispensabile già prima, ora ne siamo certi.
Stiamo nascendo, nel concreto, durante un momento di fragilità mondiale. Avevamo in mente altri piani e altri tempi, poi è arrivato un imprevisto. Siamo in pieno lockdown, ma siamo pronti, consapevoli e affamati.

Non siamo folli, non prendiamo decisioni avventate, non ci buttiamo nel vuoto senza avere la consapevolezza di potercela giocare.

Siamo nel mondo migliore di sempre, sai?
Qui ti raccontiamo il perché.

Il mondo del digitale ci ha sicuramente aiutato a cercare la via di fuga per poterci in qualche modo reinventare e in molti ambiti di lavoro è accaduto proprio questo: tutto quello che appariva tradizionale e immutabile, ha avuto un cambiamento drastico, dettato da una situazione esterna che ci ha portato a cercare nuove modalità.
È stato un cambiamento necessario, per molti.

Cosa sta accadendo (aprile 2020)

La pandemia sta palesemente cambiando il modo in cui viviamo e soprattutto il modo in cui lavoriamo.
Questo vuol dire che mentre alcuni settori stanno crollando nel buio più totale, altri reputano questa situazione fiorente per il proprio settore.

Gli aspetti fondamentali di questo cambiamento si possono racchiudere in quattro punti:

  1.  i mercati (dei settori più disparati) stanno considerando le nuove opportunità che ci sono;
  2. il passaggio verso un’economia incentrata sulla tecnologia va alla velocità della luce (buongiornissimo caff3 a tutti, aggiungeremmo);
  3. molte aziende stanno crollando perché non sono in grado di adattarsi al cambiamento, altre continuano a lavorare con efficienza, e tante altre cavalcano l’onda del cambiamento con destrezza;
  4. le relazioni sono diventate l’ago della bilancia all’interno di ogni organizzazione, il cuore pulsante del business. Il sentimento della fiducia ha avuto il suo riscatto e il valore della responsabilità è ormai determinante.

Ci sembra il momento perfetto per lanciare la nostra startup.
E lo è, senz’altro.

7 aprile 2021

Quello che ci siamo sentiti dire:

  •  “Tra pochi mesi sarà tutto finito vedrai…
  • Volete fare business ora? Non è proprio il momento.
  • Nel 2021 tutto tornerà alla normalità.

Altre duemila barzellette… e dove trovarle!

Ma il 2021 è arrivato.
Vediamo insieme cosa è realmente accaduto:

  • 300.000 imprese hanno chiuso e circa 20.000 non riapriranno;
  • 101.000 è il numero dei nuovi disoccupati;
  • oltre 1 milione di persone hanno bisogno di aiuto per vivere.

Ora, costruire una startup di successo è l’obiettivo di tutti gli startupper, e anche il nostro.

Certo, dobbiamo lavorare ancora molto, moltissimo, ma dato che crediamo che nulla sia impossibile e che “La fortuna aiuta gli audaci, e chi non molla“, possiamo permetterci di dire la nostra. E così ne approfittiamo anche per dirti qual è il nostro grande sogno: creare un unicorno.

Sì, ok, in questo modello di business sembra che il fallimento sia una tappa fondamentale e che evitarlo sia come ricercare le 7 sfere del drago. Pare che circa 9 startup su 10 falliscano.

Ma ci siamo già passati. Sì, abbiamo fallito.

E con Pink Different che vogliamo ricordarti una cosa: se cadi puoi rialzarti.
Nulla è perduto se hai un obiettivo e metti tutto te stesso per raggiungerlo.

Stiamo per raccontarti cosa ci è accaduto nell’ultimo anno, nell’anno in cui abbiamo messo tutto noi stessi per raggiungere i nostri obiettivi.

Cosa abbiamo fatto in un anno

Il Maestro Yoda in Star Wars affermava: “Sempre in movimento è il futuro.

Ed è la dimostrazione che non sempre le cose vanno come ti aspetti (anzi, quasi mai accade questo!), ma di certo da ogni piccolo imprevisto puoi tirar fuori qualcosa di positivo!

Fare o non fare, non c’è provare.
E mentre fai, non dimenticare di essere orientato intensamente verso il risultato.

Questo è il nostro fare:

  1. Abbiamo aperto un blog

Il nostro primo passo.

7 aprile 2020: 0 articoli

7 aprile 2021: 183 articoli

Sì, 183 articoli in un anno, anzi 184 con questo.

Che traguardo e che emozione poterlo raccontare.
Per noi è un risultato straordinario, abbiamo raggiunto una nicchia piuttosto complessa, ma ce l’abbiamo fatta. Ci sei, ci leggi e ci stai vicino, e con te tantissimi altri compagni di viaggio.

Tranquillo eh, abbiamo ancora tanto da dirti, e darti.

Qui trovi il nostro blog differente, un luogo in cui imparare strategie di business e marketing, scoprire i trend del momento, lasciarti ispirare dalle storie di chi ce l’ha fatta e crescere con noi.

2. Abbiamo creato una partnership fuori di testa 

Wonder Fashion Store

E poi sono arrivati grandi progetti, come Wonder Fashion Store.
Una nuova catena di negozi che abbracciano il fashion a 360°: dai gioielli agli accessori, dagli orologi alla pelletteria.

Wonder Fashion Store è una start-up nata dal gruppo C&C, azienda leader sul mercato italiano nella vendita di caffè in cialde e capsule, con più di 200 punti vendita. L’obiettivo della nostra partnership è quello di replicare lo sviluppo ottenuto nel settore del caffè, anche nel settore del fashion.

Certo, non è stato l’anno migliore per cominciare.
Zone rosse e restrizioni non hanno aiutato, come per tutti insomma, ma il mondo del fashion, dei gioielli in modo particolare, è stato fin da subito in una posizione più sfavorevole.

Ma se non ti spaventa non è l’idea giusta, no?

Ad oggi abbiamo aperto 7 punti vendita in soli 8 mesi.

Spoiler alert: ne stanno arrivando altri due (rimani sintonizzato qui, per scoprire dove).

  1. Abbiamo dato vita a un nuovo progetto
Anihma
Qualcuno ha creduto in noi e nel nostro progetto: un piccolo tesoro che abbiamo custodito per anni. Abbiamo studiato, l’abbiamo cambiato (o migliorato, dipende dai punti vista!), l’abbiamo reso speciale il più possibile.

E ora ci sembra proprio il momento giusto per presentarlo a te. Questo è Anihma.
Seguici sui nostri canali social per scoprire di cosa si tratta, stiamo svelando degli indizi, e tra pochissimo saremo online!

 Possiamo dirti solo una cosa: lo scopo di Anihma è farti comprendere quanto tutto ciò che ti rende unico e differente nel mondo, non ha a che fare con nulla che sia materiale.
Che la tua anima, e il tuo essere, sono tutto ciò che ti rendono straordinario.

Ed è da qui che prende spunto la nostra filosofia: “L’anima è reale, la materia è illusione.

Per essere tra i primi a sbloccare il mondo Anihma e scoprire il tuo vantaggio esclusivo, vai qui!

  1. Tanto tanto altro!

 Non è finita qui:

✅ a giorni apriremo ben 3 e-commerce;

✅ la nostra sales agency ha seguito circa 250 clienti;

✅ abbiamo anche fatto un’esperienza fantastica nel network marketing, il “business del 21secolo”. Un ambito nuovo e dinamico che sentiamo di consigliarti, perché può essere una soluzione e perché potresti entrare davvero in una squadra vincente e cambiare la tua vita. È sulla nostra agenda;

✅ abbiamo fatto un corso di trading, per apprendere nuove competenze e tenerci pronti con un piano D, E, F…

E poi ci sono i clienti. Quelli che sono tornati perché si sono fidati di noi ancora una volta.
Quelli nuovi, che ti danno sempre una grande gioia, perché sì, probabilmente la strada è quella giusta.
E con loro è arrivato tanto, tanto altro: le mille mila ore davanti al computer, le scadenze, i sorrisi, i grazie e le soddisfazioni.

 Ma a proposito di computer….

 

Smart working: che passione!

Lavorare in smart working non è stata per noi una nuova esperienza.
Lavoriamo da remoto ormai da più di 10 anni, con collaboratori sparsi in diverse città italiane e nel mondo.

Che sia da casa, in un garage, sul divano… ovunque tu voglia!
Decidere di lavorare in smart working è prima di tutto un cambio di vita.

Per molti è stato un tragico cambiamento, per molti altri è stato fantastico, per noi è stato… normale.

Abbiamo seguito e sviluppato un progetto in USA, ad esempio, in smart working.
Ognuno nella propria casa a migliaia di chilometri di distanza con ben 7 ore di fuso orario.

È stato facile? No, non di certo. Ma è stata una sfida!

Più di un anno fa abbiamo ironizzato su Instagram in questo modo, e poi, a grandi linee, abbiamo trascorso tutto l’anno così.
E comunque eccoci, ognuno davanti a uno schermo, nel luogo in cui vive, tutti uniti per realizzare un unico obiettivo.

La distanza non rovina nulla, se c’è fiducia!
Se una squadra può definirsi tale lo è ovunque, dentro le mura di uno stesso edificio e fuori.
Se sei curioso di scoprire quali siano i volti dietro Pink Different, abbiamo pensato di raccontarci qui!

Ps: abbiamo sempre un motivo per essere grati e felici, abbiamo sempre il tempo per fare qualcosa che amiamo, dobbiamo solo trovarlo se lo vogliamo davvero.

Non è mai troppo tardi per cambiare, per cogliere le opportunità del presente e investire sul proprio futuro. Però comincia.
Qual è il momento perfetto? Ora.

È l’ora dei grazie

Non vogliamo essere sdolcinati, ma vogliamo essere grati.
Cominciamo:

Grazie a te che hai letto i nostri articoli, o i nostri post, ma non hai mai avuto il coraggio (o la voglia) di commentare.

Grazie a te che hai condiviso tutto quello che c’era da condividere, e forse qualcosa in più.

Grazie a te che ci hai scritto per dirci “vi va di collaborare?” e anche a te che ci hai detto: “grazie per quello che scrivete”.

Grazie a te che sei arrivato su questo blog, hai letto qualcosa, e poi non sei più tornato.

Grazie a te per non essertene mai andato.

La gratitudine è non solo la più grande delle virtù, ma la madre di tutte le altre.

Il gioco comincia adesso, preparati!
Ci sarà da divertirsi, per davvero.

Se l’articolo ti è piaciuto lasciaci un commento, e grazie per essere arrivato fin qui!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

2 risposte

  1. Grazie a voi per le persone straordinarie che siete e per la carica che date con ogni singolo post/articolo! ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti i nostri articoli.



    Cliccando su "Invia" dichiaro di aver accettato le Condizioni Generali e la Privacy Policy.