STORIE DI SUCCESSO

Un fiammifero di nome IKEA

Ingvar Kamprad è il nome del founder di IKEA, l’azienda multinazionale specializzata nella vendita di mobili, complementi d’arredo e altra oggettistica per la casa.

 

Chi era Ingvar prima di creare il suo impero?

Un bambino di sette anni che si divertiva a vendere fiammiferi in quella Svezia rurale degli ‘anni 20, che tanto ha inciso nella sua vita, e in quella del suo marchio. La parola IKEA infatti non è altro che una sigla, nata dal suo nome, cognome, nome della fattoria di famiglia (Elmtaryd) e il paesino in cui è cresciuto (Agunnaryd).

Le sue origini Ingvar non le ha mai rinnegate, ne ha fatto uno scudo, la sua protezione per cominciare a mostrarsi al mondo. Il legame indissolubile lo notiamo nei colori, il giallo e il blu, ma soprattutto nella scelta dello stile, rigido ed essenziale.

Cosa ha reso il suo brand così importante?

La filosofia stessa di Ingvar: tagliare tutti i costi superflui e non sprecare nulla, così da poter vendere prodotti a un prezzo basso e accessibile per ogni ceto sociale.

È con quest’idea che negli anni ’50 comprò una fattoria abbandonata e iniziò a costruire mobili. L’intuizione e la visione di una persona “normale”, diventata “qualcuno” grazie alla perseveranza, ha reso il suo brand così famoso, sentito e vicino a molti.

Nonostante una fortuna personale stimata sui 3.5 miliardi di dollari, Ingvar è sempre stato una persona attenta agli sprechi, anche nella vita privata.

«Se cominciassi a comprare cose lussuose, non farei altro che incitare gli altri a fare lo stesso.

È importante che i leader diano un esempio».

 

COSA PUOI PRENDERE DA QUESTA STORIA:

  1. COMINCIA DA UN FIAMMIFERO
  2. FAI PARLARE LA TUA REALTÀ
  3. NON PENSARE, AGISCI
  4. SII CAMBIAMENTO

 

Non riesci a immaginare di poter creare qualcosa di straordinario? Di essere unico?

Noi invece ci crediamo fortemente.

Hai voglia di metterti in gioco? Vuoi entrare nel nostro team?
Scrivici se:

  • hai qualità compatibili ai progetti su cui lavoriamo
  • non hai particolari competenze specifiche, ma una gran voglia di cercare il tuo x-Factor!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ogni GIOVEDÌ vi parleremo di STORIE DI SUCCESSO, di tutte quelle persone che ce l’hanno fatta partendo da zero, di quelle persone che hanno puntato su se stesse, che hanno appreso dai loro fallimenti e che hanno fatto di essi la loro arma vincente.
Blog Pink different rubrica STORIE di SUCCESSO

Instagram

Precedente
Successivo

Social Links

Altri articoli

Pensiero Differente

Grazie hater: come affrontare gli odiatori seriali del web 

In questo articolo ti parliamo degli hater che popolano il web e qual è, secondo noi, il giusto modo per gestirli sulle tue pagine social.  Ti è mai capitato di ricevere un commento cattivo nei tuoi confronti o nei confronti di ciò che hai scritto? E soprattutto di non sapere se e come rispondere? Sei nel posto giusto. 

Leggi Tutto »
IL-SOGNO-DI-UN-CAFFÈ-ALL’ITALIANA-COSÌ-NASCE-STARBUCKS_storie-di-successo
Storie di Successo

Il sogno di un caffè all’Italiana: così nasce Starbucks

Howard Schultz è il nome del fondatore di Starbucks , una catena di caffè statunitense fondata a Seattle. Ma chi era Schultz prima di essere un imprenditore? Un ragazzino cresciuto nelle case popolari di Brooklyn, che ha lottato per anni contro la povertà assoluta; la famiglia aveva perso l’unica fonte di reddito dopo un infortunio del

Leggi Tutto »
pedal people
Pink Pill

Pedal people: come regalare un’emozione

In questo articolo ti parleremo di Pedal People, un’iniziativa di due giovani ragazzi che hanno permesso a degli anziani, ricoverati in una casa di cura, di tornare a sorridere alla vita. Le idee vincenti, lungimiranti e che risolvono un problema tangibile, come Pedal People, ci permettono di essere noi stessi, trovano il modo giusto per farci

Leggi Tutto »

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti i nostri articoli.



    Cliccando su "Invia" dichiaro di aver accettato le Condizioni Generali e la Privacy Policy.