PENSIERO DIFFERENTE

Come evitare le frasi killer: “scusa se ti disturbo” o “è un buon momento?”

In questo articolo ti parliamo del linguaggio positivo e delle frasi “killer” da evitare quando ti rivolgi a un cliente o a qualcuno del tuo team.

Hai mai sentito parlare della legge d’attrazione?

Raccogliamo ciò che seminiamo: non c’è niente di più vero.
Se utilizziamo delle frasi killer per esprimerci, non possiamo pretendere una risposta o una reazione positiva.

Ed è per questo che quando si parla di comunicazione, di comunicazione consapevole, si apre davvero un mondo.
Tutti, più o meno, sappiamo comunicare.
Ce l’hanno insegnato a…scuola?
No, anzi, la maggior parte delle frasi killer che troverai di seguito con molta probabilità le hai imparate proprio lì.

Comunicare e farlo tramite il linguaggio scritto e parlato è ciò che ci contraddistingue come essere umani.
In realtà riusciamo a comunicare anche solo con le espressioni, per questo anche il linguaggio del corpo non è da sottovalutare.

Usare un linguaggio adatto e positivo, all’interno del luogo di lavoro e con i propri clienti, è fondamentale.

Un buon linguaggio verbale spinge il cliente all’ascolto e con ogni probabilità all’acquisto o alla scelta di un servizio, senza portalo sulla difensiva e, quindi, al rifiuto. Fa attenzione a ciò che dici e al modo in cui lo dici: una corretta comunicazione è una qualità fondamentale per il tuo business.

Lo stesso discorso vale per il tuo team di lavoro.
Un linguaggio positivo servirà ai tuoi collaboratori per affrontare il lavoro nel modo migliore, creerà unione e complicità all’interno di esso.
Non dimenticare che i tuoi collaboratori non sono schiavi, sono parte integrante del progetto e che anche se il detto dice “siamo tutti utili e nessuno indispensabile”, un vero leader deve essere in grado di valorizzare il suo team e riuscire a tirar fuori il meglio da ognuno.
Se ti sei perso il nostro articolo sulla leadership e su come guidare un team (umano!) clicca qui!

Parliamo di umanità perché crediamo che dietro ogni collaboratore non possa esserci solo un numero.
I rapporti umani e la comunicazione che li rende tali sta alla base del tuo progetto. Solo così il tuo business prenderà il volo.
Sii gentile e abbi rispetto, gli altri l’avranno per te.

Daniele, il nostro founder, insiste molto su questo, su quanto sia importante fare attenzione al tipo di linguaggio che utilizziamo, tra di noi e con i nostri clienti.
La comunicazione ti permette poi di far fuoriuscire la tua autenticità e renderti unico, gentile e differente.
Quindi sì: noi di Pink Different lavoriamo molto sul linguaggio, e anche sulla scrittura delle mail.

Come dici? Una mail è una mail?
Niente affatto, e di questo te ne parleremo molto presto!
Ora andiamo avanti.

Quali sono le frasi/parole da evitare?

  • Le frasi fatte

Alcune formule come “siamo i leader del settore”, “i nostri prodotti sono i migliori sul mercato” o “non troverai un’offerta migliore della nostra”, vengono usate troppo e troppo spesso.

Potrebbero in realtà sminuire il tuo lavoro e la tua proposta.
Presentati in modo originale e non cadere nella banalità di frasi fatte che insospettiscono il cliente.
Ci sono troppe aziende che ormai sono leader dello stesso settore, non credi?

  • Le parole da incubo

Ci sono delle parole che conducono quasi sempre il cliente a rispondere con un “NO”. Non c’è un motivo ben preciso, ma addolcire dei termini o usare dei sinonimi che esprimano lo stesso concetto, non porterà il tuo cliente sulla difensiva ma lo aprirà al dialogo.

Ad esempio: sostituisci “costo” con “investimento” (tale da rendere il tuo servizio come un’opportunità), “appuntamento” con “incontro”, “problema” con “contrattempo”.

Si, è vero, tutte queste parole vogliono esprimere la stessa cosa, ma il cliente deve sentirsi a suo agio e a te far attenzione al linguaggio non costa nulla, no?
Sii positivo e non farti mai vedere titubante.
Non esprimere dubbi o perplessità tramite il linguaggio del corpo, alle volte è fatale.
Sei la sua scelta migliore, ne sei consapevole, convinci anche lui!

  • Le frasi killer

Non concludere un discorso con “non voglio di certo convincerla ma…” perché il cliente penserà che è esattamente quello che vuoi fare.
Non usare forme dubitative o negative, generano incertezza (invece tu sei certo di quello che proponi!).
La negazione è il primo nemico della riuscita di una buona comunicazione se viene utilizzata in maniera impropria.

Il subconscio non coglie la negazione e nella nostra mente viene evocata proprio l’immagine che il parlante vorrebbe allontanare.

Ad esempio: se ora ti chiedessimo di non pensare alla cena di questa sera

A cosa pensi in questo preciso istante?
Alla cena di questa sera e non dire di no!
Bene, il ragionamento è il medesimo.

Ecco un elenco di alcune frasi killer:

non si preoccupi;

non voglio insistere;

non voglio venderle questo prodotto;

non vorrei rubarle altro tempo;

non voglio convincerla.

Linguaggio-Positivo-Blog-Pensiero-Differente

Last but not least…

SCUSI SE LA DISTURBO.

Questa è la frase killer che usiamo più spesso.
Crediamo di essere gentili ed educati quando lo chiediamo e probabilmente lo siamo anche, ma a livello inconscio ci diamo da soli una risposta. Usare una frase del genere sta a significare che sai già di creare del disturbo nell’interlocutore.

Prova ad usare l’espressione “È un buon momento?”, vedrai che creerai un’immagine positiva nella sua mente e sarà più propenso all’ascolto.
Abbiamo parlato di cattiva comunicazione, di frasi killer e di parole da evitare assolutamente, che tu stia parlando con dei clienti o con i tuoi collaboratori.
Hai ritrovato nell’articolo delle espressioni che usi spesso? Non allarmarti!

Con ogni probabilità è una questione di abitudine, lavora su te stesso e fa attenzione a ciò che dici, dopo un po’ ti risulterà tutto più semplice e non dovrai nemmeno più pensarci.

Quando abbiamo parlato di identità aziendale facevamo riferimento anche a questo: alla comunicazione e al tono di voce della tua azienda.
Comunicare con le giuste parole, oltre che a far conoscere il tuo brand, ti aiuta anche a trovare nuovi clienti disposti ad affidarsi a te, proprio per il modo rassicurante e positivo che hai di fare.

Ci avevi mai pensato?
Comunica positività e vedrai che il tuo progetto avrà di sicuro una marcia in più!

L’identità azienda, quindi la brand identity, e il Brand Positioning di cui ci occupiamo, sono due facce della stessa medaglia.
Sono il cuore e il cervello del tuo brand.

Il Brand Positioning moltiplica esponenzialmente la forza della brand identity.
La brand identity esiste solo se il Brand è efficacemente posizionato.

Dai vita al tuo brand con noi, posizionalo qui!

Se l’articolo ti è piaciuto lasciaci un commento, e grazie per essere arrivato fin qui!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti i nostri articoli.



    Cliccando su "Invia" dichiaro di aver accettato le Condizioni Generali e la Privacy Policy.